Assegno di ricerca sui rivelatori X e gamma

assegno-di-ricerca

(Italiano) Assegno di ricerca sul tema “Progettazione, integrazione e test di rivelatori X e gamma ad alte prestazioni” nell’ambito del progetto TECNO-INAF 2014 “A space qualified very broad-band (1 keV – 10 MeV) monolithic detection system for Gamma-Ray Bursts and high-energy transients”

Leggi tutto »

Avviso di sorteggio pubblico

assegno-di-ricerca

Avviso di sorteggio pubblico per la selezione degli operatori economici da invitare alla procedura negoziata senza previa pubblicazione di bando di gara, ai sensi del combinato disposto degli artt. 122, comma 7, e 57, comma 6, del D. Lgs. n. 163/2006 e s.m.i., per l’affidamento della progettazione esecutiva e dei lavori di adeguamento di un laboratorio esistente presso INAF/IASF Bologna per la realizzazione della sala di integrazione dello strumento E-ELT/MAORY.

Leggi tutto »

Lampi gamma non solo dai blazar

Rappresentazione artistica della radio galassia PKS 0521-36 basata sulle riprese effettuate dall'Hubble Space Telescope. Crediti: Dana Berry (STScI)«La varietà di AGN che possono avere getti relativistici potenti non si limiti ai classici blazar», dice Filippo D’Ammando dell’Università di Bologna, che ha guidato una ricerca quasi tutta italiana su un nucleo galattico attivo (AGN) un po’ particolare, PKS 0521-36, da cui si sono sprigionati lampi gamma pur non sembrando abbastanza “allineato” per farlo

Leggi tutto »

Lo strano caso della binaria X

Rappresentazione artistica del sistema triplo 4U 1630-472. L'immagine originale di un sistema binario X crediti ESA/NASA) è stata elaborata da M. GallianiDietro la sorgente di raggi X denominata 4U 1630-472 non c’è solo un buco nero che strappa materia dalla sua stella compagna. A regolare la periodica emissione di radiazione di alta energia ci sarebbe un terzo corpo celeste, un’altra stella legata gravitazionalmente al sistema binario. La scoperta è stata ottenuta da uno studio guidato da Fiamma Capitanio dell’INAF

Leggi tutto »

Attila il buco nero, flagello della galassia

bhtombesiDescritto sulle pagine di “Nature” dall’italiano Francesco Tombesi, ricercatore alla NASA e associato INAF, il buco nero supermassiccio al centro della galassia IRAS F11119 sferza l’ambiente circostante con venti fino a un quarto della velocità della luce, smorzando la formazione stellare

Leggi tutto »